Porti: la forza del lavoro

Porti: la forza del lavoro

Livorno, 25 marzo 2024. Oggi la Compagnia Portuale di Livorno ha partecipato al convegno di Shipmag alla CULMV di Genova “Porti: la forza lavoro”. Durante l’evento è stato presentato da Andrea Appetecchia di Isfort uno studio sulla portualità degli ultimi 20 anni. “Più merce e meno lavoratori: dal 1980 al 2022 è aumentata, di 100 milioni di tonnellate, la merce movimentata dai porti italiani (+26%), in compenso gli addetti sono scesi in modo significativo di 5.330 unità (-24%). Negli ultimi vent’anni inoltre, è aumentata la produttività del lavoro: +45%, mentre le retribuzioni sono salite solo del 29%, con una sostanziale stagnazione  del costo complessivo del lavoro (+3%). Si è anche  trasformata la modalità di lavoro all’interno dei porti e soprattutto cosa passa dentro i porti. Mentre da una parte  abbiamo la merce alla rinfusa, sia solida che liquida, che sta diminuendo  costantemente di anno in anno, dall’altra è cresciuta in maniera rilevante la parte di merce varia,  trasportata in contenitori ma soprattutto in camion. Questa modalità è quella che richiede il maggiore contributo in  termini di lavoro e di attività che svolgono i portuali e il paradosso è che cresce molto la merce e diminuiscono i lavoratori”. Nel link sottostante i documenti del convegno.

https://www.gruppocpl.it/wp-content/uploads/2024/04/Documento-convegno_25032024-4.pdf